Vaticano, il verbale di mons. Carlino: “Pena Parra mi disse come procedere su Torzi”

Condividi:
vaticano il verbale di mons carlino pena parra mi disse come procedere su torzi - Vaticano, il verbale di mons. Carlino: "Pena Parra mi disse come procedere su Torzi"

CITTA’ DEL VATICANO – Nuove rivelazioni sui verbali degli indagati nell’ambito della vicenda dell’acquisto da parte del Vaticano di un immobile a Sloane Avenue a Londra, affare per il quale il finanziere Gianluigi Torzi è detenuto con l’accusa di estorsione nella gendarmeria della Santa sede. Monsignor Mauro Carlino – secondo gli investigatori dell’Ufficio del Promotore Vaticano – sarebbe l’ultimo, in ordine di tempo, tra gli “emissari della Segreteria di Stato” incaricati di portare a termine la difficile trattativa con Gianluigi Torzi perché rimetta le mille azioni con diritto di voto della Gutt Sa che di fatto impediscono al Vaticano di disporre dell’immobile di Sloane Avenue a Londra. Carlino (ex segretario del cardinale Giovanni Angelo Becciu) è indagato per estorsione in concorso con Torzi, Enrico Crasso e Fabrizio Tirabassi, per il presunto ricatto che il broker avrebbe consumato “incutendo timore di gravi danni agli averi della Segreteria di Stato”, “in un’occasione anche a margine di una udienza con il Santo Padre”.
La vicendaTutto ruota attorno alla compravendita dell’immobile londinese di Sloane Avenue, che ha coinvolto una rete di società in cui erano presenti alcuni funzionari della segreteria di Stato. Il broker Gianluigi Torzi fece da intermediario per far tornare alla segreteria di Stato vaticana l’immobile dopo un investimento sbagliato e, secondo le carte, avrebbe intascato 15 milioni di euro. All’imputato vengono contestati vari episodi di estorsione, peculato, truffa aggravata e autoriciclaggio, reati per quali la legge vaticana prevede pene fino a dodici anni di reclusione. L’affare londinese è stato uno tsunami per la Santa Sede, con quei 200 milioni di dollari spesi con nonchalance per l’acquisto di un palazzo da 17 mila metri quadri, e ha portato anche al sequestro in Svizzera di conti con depositi milionari, uno dei quali nella disponibilità di monsignor Alberto Perlasca, responsabile degli investimenti della Segreteria di Stato in Vaticano. Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy