Uccide l’ex moglie e la compagna in Austria, poi suicida in Italia

Condividi:
uccide lex moglie e la compagna in austria poi suicida in italia - Uccide l'ex moglie e la compagna in Austria, poi suicida in Italia

Ha ucciso l’ex moglie, con cui i rapporti erano conflittuali, con un’ascia. Poi è salito in auto, ha raggiunto un villaggio vicino e ha sparato a bruciapelo a una seconda donna, assassinandola di fronte agli occhi terrorizzati di una bambina. Quindi è fuggito verso l’Italia: lungo il tragitto ha telefonato alla figlia e si è assunto la responsabilità del duplice delitto. Arrivato a Tarvisio, in provincia di Udine, ha lasciato l’auto nel parcheggio di un ristorante, ha preso un caffè al banco ed è uscito. Quando ha visto l’auto della Polizia italiana ha estratto la pistola, ha sparato due colpi che hanno centrato la sua stessa vettura e poi ha rivolto l’arma alla tempia, suicidandosi.L’ascia per uccidere l’exE’ la cronaca della mattina di terrore e follia al confine tra Austria e Italia. Protagonista del doppio femminicidio è un cittadino austriaco, un elettricista di 63 anni, residente nei dintorni di Villach (Villacco), località della Carinzia che sorge nei pressi di alcuni laghi, a una trentina di chilometri dalla frontiera. La prima vittima dell’uomo è stata l’ex moglie, di 62 anni: pare che la donna in passato avesse già denunciato atteggiamenti violenti del consorte.
La lite
Al culmine di una lite, l’assassino ha impugnato un’ascia e ha colpito ripetutamente la donna con estrema e ripetuta violenza. A quel punto si è diretto verso una località poco distante. Secondo la ricostruzione della Polizia carinziana, l’uomo ha individuato la vittima – una donna di 56 anni, sposata – l’ha raggiunta mentre stava camminando in strada e le ha sparato con una pistola – che deteneva illegalmente -: alla scena hanno assistito numerosi testimoni, tra cui una ragazzina che si trovava poco distante. Secondo alcune indiscrezioni, non si esclude che l’uomo avesse o avesse avuto una relazione con la seconda vittima.
La fuga
Da quel momento è iniziata la fuga, durata all’incirca un’ora. In questo frangente, comunque, le forze dell’ordine del land austriaco hanno avuto il tempo di chiedere alla popolazione di restare in casa, non conoscendo la ragione del gesto e temendo che l’artigiano, armato, potesse colpire altri innocenti. Si è anche alzato in volo un elicottero per cercare di intercettare l’auto di colore bianco su cui era stato visto salire da testimoni oculari che avevano assistito al secondo omicidio.
Avuta conferma che l’elettricista si stava spostando in Italia, le autorità austriache hanno informato il Centro di cooperazione internazionale tra le Polizie di Italia, Austria e Slovenia, di Thörl Maglern e l’allarme è stato diffuso alle pattuglie sul confine. Un equipaggio della Polizia di Frontiera ha individuato il veicolo nel parcheggio di un ristorante di Tarvisio. Mancavano pochi minuti alle 9.30.I colpi di pistolaLa pattuglia aveva appena avuto conferma via radio di trovarsi di fronte all’auto ricercata quando dal locale è uscito un uomo che si è diretto verso il mezzo: quando ha capito di essere in trappola e di non poter proseguire la fuga, il 63enne ha preso la pistola e ha sparato due colpi – che non erano indirizzati agli agenti – poi ha rivolto l’arma al capo e ha premuto il grilletto un’ultima volta.

La Procura di Udine ha posto il veicolo sotto sequestro e ha fornito collaborazione ai colleghi austriaci: da quant o si è appreso, non sono state trovare lettere o messaggi dell’uomo: la tragedia potrebbe essere scaturita in un impeto d’ira. L’autopsia sul corpo delle vittime sarà eseguita già entro stasera, con i risultati disponibili da domattina.

Il caso ricorda molto un delitto avvenuto in Piemonte sempre a giugno, ma di dieci anni fa. Anche in quel caso Gaetano De Carlo, 55 anni, di Vailate (Cremona), uccise le due donne della sua vita, due ex fidanzate, per poi togliersi la vita. L’uomo era sotto processo per stalking dopo le tante denunce fatte da quella che poi sarebbe diventata una delle sue vittime, Sonia Balcone di 42 anni, uccisa a Rivolta D’Adda, in provincia di Cremona e con la quale aveva avuto una storia finita ormai otto anni prima. Poche ore prima aveva ucciso a Chieri (Torino) un’altra ex, Maria Montanaro, 36 anni, che lo aveva lasciato da qualche settimana.
 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy