Trump difende la polizia e resta evasivo sul razzismo

Condividi:

trump difende la polizia e resta evasivo sul razzismo - Trump difende la polizia e resta evasivo sul razzismo

Una polizia che faccia un uso più “professionale” e “compassionevole” della forza ma che sia anche “più forte”, che “domini le strade” e non sia tacciata di razzismo per alcune “mele marce”: Donald Trump difende le forze dell’ordine e resta evasivo sulle ingiustizie razziali nel suo primo discorso pubblico sui temi che hanno infiammato l’America dopo la morte dell’afroamericano George Floyd, soffocato da agenti bianchi per una banconota falsa da 20 dollari.

Una banconota che porta ancora l’effigie del presidente schiavista Andrew Jackson ma che secondo il segretario al Tesoro Steven Mnuchin non c’è alcuna fretta di sostituire prima del 2030 con quella – proposta da Barack Obama e avversata da Trump – di Harriett Tubman, l’attivista afroamericana che combatté per abolire la schiavitù. “Noi dobbiamo lavorare insieme per lottare contro l’intolleranza e il pregiudizio ovunque siano ma non faremo progressi e non guariremo le nostre ferite etichettando ingiustamente milioni di americani onesti come razzisti”, ha esordito il presidente in una tavola rotonda a Dallas, sollevando subito una polemica per non aver invitato i tre dirigenti delle forze dell’ordine locali, tutti afroamericani.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy