Sconto ferie: restano difficoltà sia per il turista sia per l’ albergatore

Condividi:
sconto ferie restano difficolta sia per il turista sia per l albergatore 1 - Sconto ferie: restano difficoltà sia per il turista sia per l’ albergatore

l’utilizzo

L’aiuto al turismo è, in buona sostanza, un ennesimo credito d’imposta la cui monetizzazione pone alcuni problemi

di Gian Paolo Ranocchi e Lorenzo Pegorin

Bonus vacanze non convince, per le imprese non basta

L’aiuto al turismo è, in buona sostanza, un ennesimo credito d’imposta la cui monetizzazione pone alcuni problemi


2′ di lettura

Al via, tra varie perplessità, il «tax credit vacanze». L’articolo 176 del Dl Rilancio sdogana il preannunciato aiuto al comparto del turismo sotto forma di “credito” a favore del cliente: si tratta, in buona sostanza, dell’ennesimo credito d’imposta la cui monetizzazione, quindi, sconta alcune difficoltà fisiologiche.

Il bonus, utilizzabile da un solo componente per nucleo familiare, è ordinariamente di 500 euro ma scende a 300 euro per i nuclei composti da due persone e a 150 euro per quelli composti da una sola persona. Il presupposto è che il nucleo familiare abbia un Isee non superiore a 40 mila euro. L’uso del credito, poi, sconta condizioni piuttosto macchinose.

Per poter essere agevolate, le spese devono essere sostenute in un’unica soluzione e in relazione a servizi resi da una singola impresa (turistico ricettiva, agriturismo o bed & breakfast). Quindi sembra vietato spacchettare il credito tra diversi soggetti.

Le spese devono essere certificate da fattura elettronica, con l’indicazione del codice fiscale del soggetto che intende fruire del credito.

Leggi anche

Per il turista

Per il turista, il tax credit è fruibile come sconto sul corrispettivo della prestazione nella misura massima dell’80 per cento. Il restante 20% deve essere scomputato come detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi del soggetto che ha diritto al bonus. In pratica, ipotizzando che la famiglia Rossi vada in vacanza al mare e spenda per la pensione completa 1.500 euro, a fronte di un bonus disponibile di 500 euro il risultato sarà che:

Fonte: Il Sole 24ore

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy