Roma, orrore nel parco, donna uccisa dal compagno

Condividi:
roma orrore nel parco donna uccisa dal compagno - Roma, orrore nel parco, donna uccisa dal compagno

 L’ha massacrata di botte lasciandola a terra ormai incosciente ed è scappato via. A notare il corpo della donna nel parco è stato un passante. Quando si è avvicinato ha visto che era già priva di coscienza con il viso tumefatto e ricoperto di sangue.

L’allarme nel parco Don Mario Picchi, in via Attilio Ambrosini a Grottaperfetta, era scattato la mattina dell’11 maggio.
La vittima – Drabikova Maria, 40enne di origine slovacca e senza fissa dimora- è stata soccorsa dai sanitari del 118 e trasportata all’ospedale San Giovanni Addolorata. I medici non hanno potuto fare nulla per salvarla e poche ore dopo è finita in coma ed è morta.



I carabinieri del comando Provinciale di Roma hanno aperto subito un’inchiesta. I militari sono dunque tornati al Don Mario Picchi dove testimoni e residenti hanno ricostruito la possibile dinamica dell’aggressione e indirizzato gli investigatori sulle tracce del fuggitivo.
 
La donna era infatti un’assidua frequentatrice del giardino e molto conosciuta. In tanti hanno riferito di averla vista spesso in compagnia “di un uomo, il suo fidanzato”. La coppia, da quanto accertato, stava insieme da diverso tempo e spesso trascorreva la notte nel parco. Ma dal giorno dell’aggressione nessuno lo aveva più visto nel quartiere.
Nel mirino delle indagini è finito così il compagno e convivente, A.D. 41enne di origini rumene, anche lui senza fissa dimora.

È stato quindi rintracciato dai carabinieri prima all’Eur e poi a San Lorenzo. Interrogato a lungo, ha riferito di non ricordare nulla sulla notte dell’aggressione:” Non ricordo neanche se eravamo insieme quella sera” ha detto più volte.
A incastrarlo però sono stati gli esami del R.I.S.  che hanno confermato che è stato proprio lui ad aggredire la vittima.
Arrestato, è stato già trasferito nel carcere di Regina Coeli con le accuse di maltrattamenti in famiglia e omicidio aggravato.
 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy