Non basta una delibera per lavorare con la Pa

Condividi:

professionisti

Insufficiente un atto unilateraledell’ente per affidare un incarico, ma in tal caso il professionista ha diritto a un indennizzo per il lavoro svolto

di Francesco Longo

non basta una delibera per lavorare con la pa - Non basta una delibera per lavorare con la Pa
(andriano_cz – Fotolia)

Insufficiente un atto unilateraledell’ente per affidare un incarico, ma in tal caso il professionista ha diritto a un indennizzo per il lavoro svolto


2′ di lettura

Il contratto stipulato tra professionisti e pubblica amministrazione deve rivestire la forma scritta, anche quando quest’ultima agisce con gli strumenti di diritto privato. Si presenta, pertanto, insufficiente a giudizio della Corte di cassazione (seconda sezione, sentenza 11465/2020) la delibera dell’organo collegiale dell’ente che abbia autorizzato il conferimento dell’incarico al quale sia eventualmente seguita la comunicazione per i scritto dell’accettazione da parte del medesimo professionista.

Il principio conferma una posizione granitica della Suprema corte per i contratti in generale stipulati con la pubblica amministrazione (per tutte, si veda la sentenza 27910/2018).

I contenuti obbligatori

Nondimeno, essa precisa i punti di rilievo circa il contenuto dell’atto da firmare, quali:
sottoscrizione del professionista e dell’organo dell’ente legittimato a esprimere la volontà all’esterno;
indicazione dell’oggetto della prestazione;
entità del compenso.
Si esclude, pertanto, che la validità del contratto possa ricavarsi da altri atti, quale, appunto, la delibera di incarico, in quanto atto unilaterale.

Patrocinio e procura

Vi sono, poi, due aspetti che meritano una puntualizzazione.
Il primo riguarda l’attività professionale svolta da avvocati. Per essa si pone di fondamentale rilevanza la differenza che corre tra contratto di patrocinio e procura alle liti: quest’ultima è un negozio unilaterale col quale il difensore viene investito del potere di rappresentare la parte in giudizio; negozio bilaterale è, invece, il contratto di patrocinio, col quale il professionista viene incaricato di svolgere la sua opera secondo lo schema del mandato (Corte di cassazione, sentenza 7410/2017).

Ora, il rilascio di una procura alle liti non è escluso possa esprimere (anche) la forma richiesta per il contratto di patrocinio, com’è, appunto, per la pubblica amministrazione(Cassazione 3721/2015). Mentre quest’ultimo, che deve avere la forma scritta sopra indicata se proveniente da una Pa, non è indispensabile contenga anche la contestuale procura alle liti che potrà essere conferita disgiuntamente.

Fonte: Il Sole 24ore

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy