Mille euro alle colf, via alle domande ma rimane in nero il 58% dei rapporti

Condividi:
mille euro alle colf via alle domande ma rimane in nero il 58 dei rapporti 1 - Mille euro alle colf, via alle domande ma rimane in nero il 58% dei rapporti

il decreto rilancio

Da lunedì 25 maggio i titolari dei circa 860mila rapporti di lavoro domestico potranno presentare la domanda per il beneficio previsto dal provvedimento del governo

di Michela Finizio e Valentina Melis

Covid-19, Dl rilancio da 55 miliardi: aiuti per imprese e lavoro

Da lunedì 25 maggio i titolari dei circa 860mila rapporti di lavoro domestico potranno presentare la domanda per il beneficio previsto dal provvedimento del governo


3′ di lettura

Mille euro per tutti i lavoratori domestici con uno o più contratti regolari in corso al 23 febbraio. Indipendentemente dal fatto che abbiano o meno lavorato durante il lockdown imposto dall’ emergenza Covid-19 . Lo dispone l’articolo 85 del decreto Rilancio, salvo modifiche in sede di conversione in Parlamento. Intanto da lunedì 25 maggio i titolari dei circa 860mila rapporti di lavoro domestico censiti dall’Istat potranno presentare le domanda presso Caf, patronati o direttamente sul sito dell’Inps (tramite Spid o Pin dispositivo). A beneficiare del bonus, però, potranno essere solo gli occupati con un monte ore in regola, superiore a dieci ore settimanali (anche sommando più contratti in corso) e non conviventi con la famiglia.

Leggi anche

Come funziona l’attivazione del bonus
I fondi a disposizione ammontano a 460 milioni (e saranno assegnati fino a esaurimento). Il bonus sarà erogato in un’unica soluzione, corrispondente a due mensilità da 500 euro ciascuna. Sarà il lavoratore a dover fare domanda, fornendo il proprio codice fiscale e i dati anagrafici di base, scegliendo tra due modalità possibili di pagamento, tramite bonifico bancario (fornendo l’Iban) oppure tramite bonifico domiciliato BancoPosta. La verifica sui rapporti di lavoro spetterà all’Inps che potrà accertare automaticamente se il richiedente ha o meno i requisiti.

Leggi anche

La platea potenziale
A oggi, analizzando i rapporti di lavoro domestico registrati, nella fascia tra 10 e 45 ore settimanali (oltre le quali si ipotizza la convivenza) si contano circa 625mila colf e badanti. Ma bisogna considerare che un lavoratore può essere titolare di più rapporti e che ci sono anche altre limitazioni: l’indennità è incompatibile con la pensione, con altri contratti di lavoro non domestico a tempo indeterminato e con altre indennità previste dal decreto Cura Italia o da quello Rilancio (come il bonus 600 euro e il reddito di emergenza). Potranno beneficiarne, invece, i lavoratori domestici che già percepiscono il reddito di cittadinanza se di importo inferiore all’indennità (integrando l’assegno mensile fino a 500 euro) o l’assegno ordinario di invalidità.

Biciclette, vacanze, famiglia, casa, lavoro: i bonus del decreto Rilancio

Rapporti di lavoro a rischio
L’indennità per colf e badanti è stata introdotta dal Governo per colmare le scarse tutele date a questa categoria di lavoratori, a cui è precluso l’accesso alla cassa integrazione attivata per l’emergenza, così come lo stop ai licenziamenti: Assindatcolf rileva un incremento del 30% dei licenziamenti del personale domestico nei primi mesi 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con picchi che arrivano al 38% nella Lombardia. Inoltre, nel solo mese di aprile, si rileva una netta flessione delle nuove assunzioni, pari al 50% rispetto al 2019.

Zini (Assindatcolf): si rischia effetto devastante per il comparto
«È comprensibile che le famiglie in questo periodo abbiano scelto di non assumere personale domestico – afferma Andrea Zini, vicepresidente di Assindatcolf – o di concludere alcuni rapporti in corso perché non più necessari o diventati insostenibili. Ma attenzione, perché se fino a oggi la giustificazione poteva essere la paura del contagio, se non si correrà subito ai ripari, già da maggio continueranno a lievitare i licenziamenti per motivi economici. Si rischia un effetto devastante per il comparto, già fanalino di coda per lavoro nero».

Fonte: Il Sole 24ore

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy