“Il virus è finito, i contagiati non infettano più”. Il documento che divide gli scienziati

Condividi:

E’ polemica tra scienziati sui dati virologici sull’andamento dell’epidemia di Covid-19 mentre in Lombardia i dati sul contagio migliorano ancora. Per una decina di medici che hanno sottoscritto un documento comune, tra cui il professor Alberto Zangrillo del San Raffaele e il professor Giuseppe Remuzzi direttore dell’Istituto Mario Negri, infatti, il “costante aumento di casi con bassa o molto bassa carica virale” dimostrerebbe che il contagio è ormai praticamente finito. Ma altri scienziati replicano: “È una grossolana sciocchezza”. Lo dice apertamente Massimo Galli, direttore del reparto Malattie infettive dell’ospedale Sacco, che ribatte: “I miei illustri colleghi si sono improvvisati una competenza su virus e epidemia, venendo magari da fantastici curricula da altri campi. Io non mi metto a fare l’oncologo o il nefrologo, non mi metto a fare altri mestieri in termini di valutazioni di elementi e di esperienza, santo cielo”. Subito dopo Galli aggiunge: “Dobbiamo distinguere tra la coda di un’epidemia, con casi di minore gravità perché ‘quelli che dovevano andar male sono già andati male’, e la continua volontà di andare a dire in giro che il virus è diventato buono. E’ una grossolana sciocchezza, vale la pena di dirlo una volta per tutte”. il virus e finito i contagiati non infettano piu il documento che divide gli scienziati - "Il virus è finito, i contagiati non infettano più". Il documento che divide gli scienziatiMassimo GalliFonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy