I geloni anomali sintomo di coronavirus: studio pubblicato dall’Università di Torino avvalora i sospetti

Condividi:

Il primo era stato una stranezza, il secondo un caso inspiegabile, ma quando in due mesi – marzo e aprile – sono arrivate almeno duecento segnalazioni di geloni agli arti soprattutto di bambini e giovani adulti, i dermatologi dell’ospedale San Lazzaro di Torino hanno cominciato a farsi delle domande. Perché si formavano dei geloni se non faceva freddo e se nessuno poteva andare in alta montagna in pieno lockdown? Sospetti che arrivavano da diversi specialisti in tutta Italia e che sono stati condensati in una lettera all’Istituto superiore di Sanità.i geloni anomali sintomo di coronavirus studio pubblicato dalluniversita di torino avvalora i sospetti - I geloni anomali sintomo di coronavirus: studio pubblicato dall'Università di Torino avvalora i sospettiRep Salute Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy