Hong Kong, proteste nel giorno dell’anniversario di Tienanmen

Condividi:
hong kong proteste nel giorno dellanniversario di tienanmen - Hong Kong, proteste nel giorno dell'anniversario di Tienanmen

HONG KONG – Proteste e  scontri a Hong Kong nel giorno del 31simo anniversario del massacro di Tienanmen:  polizia e vigili del fuoco sono entrati nel Parlamento della ex città Stato dopo che due deputati pro-democrazia avevano lanciato liquido maleodorante fra i banchi durante la discussione della controversa legge che stabilisce sanzioni molto dure per chi è accusato di non rispettare l’inno cinese. Prima di essere fermati Eddie Chu e Ray Chan Police hanno gridato di vole protestare contro la “repressione omicida” messa in atto da Pechino 31 anni fa che oggi – per la prima volta – non è possibile ricordare pubblicamente a Hong Kong: tutte le manifestazioni sono state vietate, ufficialmente a causa del coronavirus, ma anche perchè la Cina vuole evitare ogni potenziale focolaio di proteste in una Hong Kong già scossa da manifestazioni e scontri. “Uno Stato assassino puzza per sempre. Non perdoniamo al mondo quello che il partito comunista cinese ha fatto 31 anni fa” hanno gridato i due prima di essere fermati.

 Il divieto alla tradizionale veglia è scattato sulla base delle misure imposte per contenere la diffusione del coronavirus che, fino a tutta la giornata odierna, vietano gli assembramenti con più di otto persone. La violazione delle norme sul distanziamento fisico, ha fatto sapere la polizia, potrebbe comportare multe fino a 3.225 dollari e una condanna a sei mesi di carcere. Il segretario della Hong Kong Alliance, Richard Tsoi, ha confermato che ci saranno comunque iniziative individuali degli organizzatori al Victoria Park. “Non possiamo chiedere agli abitanti di Hong Kong di unirsi a noi – ha detto – ma speriamo che la polizia tolleri e rispetti i diritti di ogni individuo”. La Hong Kong Alliance ha chiesto alle decine di migliaia di abitanti dell’ex colonia britannica che ogni anno partecipavano alla veglia al Victoria Park di accedere una candela o unirsi all’evento organizzato online: 30 minuti per non dimenticare, che si concluderanno con 60 secondi di silenzio.


L’Ue ha chiesto a Pechino che Hong Kong e Macao possano commemorare le vittime di Tienanmen, ma non ha ricevito risposte, mentre cresce la tensione fra Londra e Pechino dopo l’approvazione della nuova legge sulla sicurezza: il premier Johnson ha evocato la possibilità di concedere visti facilitati per il Regno ai 2,85 milioni di cittadini della ex colonia britannica di Hong Kong.
 
Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy