Doppia prova e data escludono molti dal permesso temporaneo

Condividi:

studenti, genitori e richiedenti asilo

La sanatoria è stata voluta dal Governo come misura di contrasto al lavoro sommerso ed al fenomeno del caporalato

di Marco Noci

doppia prova e data escludono molti dal permesso temporaneo - Doppia prova e data escludono molti dal permesso temporaneo
(REUTERS)

La sanatoria è stata voluta dal Governo come misura di contrasto al lavoro sommerso ed al fenomeno del caporalato


3′ di lettura

Una regolarizzazione che rischia di essere inaccessibile per molti stranieri extraUe irregolari, almeno per quanto riguarda la richiesta di permesso di soggiorno temporaneo (sei mesi) per il quale il legislatore ha chiesto una doppia prova: la titolarità di un permesso scaduto dal 31 ottobre 2019, senza che ne sia stato chiesto il rinnovo o la conversione, e la dimostrazione di avere lavorato regolarmente prima di tale data, nei settori del lavoro domestico o nell’agricoltura. Oltre alla dimostrazione di essere stati presenti in Italia l’8 marzo scorso.

Per quanto riguarda la prima prova, l’indicazione della data spartiacque del 31 ottobre 2019 escluderà tutti gli stranieri che hanno perso successivamente il soggiorno, a voler abbracciare l’ipotesi che la legge volesse dire questo («dal 31 ottobre»), anche se allo stato si ignorano le ragioni all’apposizione di questo termine.

Per la seconda, il Dm interministeriale del 27 maggio 2020 ha fornito gli elementi probatori del rapporto di lavoro limitandoli nella sostanza a quelli regolari: impossibile che la retribuzione di un lavoro in nero abbia comportato una busta paga o il pagamento con assegno bancario o bonifico. Trattandosi di un’emersione sarebbe stato più semplice consentire allo straniero di dimostrare l’esistenza di un rapporto di lavoro in nero attraverso un accertamento dell’Ispettorato del Lavoro oppure con un accertamento giudiziale.

Per gli stranieri senza permesso che non possono dare queste dimostrazioni, dunque, rimane aperta solo la strada dell’assunzione. Ammesso di trovare un datore “adeguato” e sperando che ciò non apra le porte a utilizzi distorti delle regole.

Tra coloro che, ad esempio, potrebbero rimanere esclusi dalla richiesta di permesso, ci sono gli studenti stranieri – spesso assunti con contratti part time di 20 ore settimanali anche domestico – che ogni anno aspettano la pubblicazione del decreto flussi per convertire il loro permesso in quello per motivi di lavoro. Il problema è che gli studenti, solitamente, sono titolari di un permesso di soggiorno che scade al 31 dicembre di ogni anno, quindi fuori dai requisiti rispetto al 31 ottobre.

Fonte: Il Sole 24ore

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy