Crollo Albizzate, il sindaco: “Io vivo per miracolo, avevo ceduto il passo alla mamma rimasta uccisa”

Condividi:

ALBIZZATE (Varese). Vivo per miracolo. Per 20 centimetri che l’hanno salvato dal crollo. Per aver ceduto il passo alla giovane mamma rimasta schiacciata dal cornicione. C’era anche il sindaco di Albizzate, Mirko Zorzo, in via Marconi alle 17.30 quando è collassato il cornicione che improvvisamente ha schiacchiato e ucciso la mamma di origini marocchine che da sei anni viveva nella cittadina del Varesotto e i suoi due figli. Stava lavorando in uno degli uffici dell’edificio industriale dal quale si è staccato il pezzo di tetto. Stava uscendo per la strada, dove le macerie sono precipitate intorno alle 17,30. Pochi minuti più tardi, Zorzo era ancora sotto shock, faceva fatica a parlare: “Ero sul posto, mi sono trovato il crollo proprio di fronte. Sono sconvolto, al momento non me la sento di commentare più di tanto. Sto parlando con le forze dell’ordine che lavorano per ricostruire l’accaduto”.

Francesco Bruno è un ispettore anticendi del comando dei vigili del fuoco di Varese, tra i primi con i suoi uomini, una quindicina, ad arrivare in via Marconi ad Albizzate alle 17,30 subito dopo l’incidente mortale. “È stata una disgrazia per un’intera famiglia ma visto l’accaduto avrebbe potuto persino andare molto peggio dato che la zona è molto frequentata”. Bruno ha racconto cosa ha visto: “Con la prima squadra arrivata sul posto abbiamo trovato tre persone schiacciate sotto la macerie. Per la donna e il bambino non c’era già più nulla da fare, la bimba invece era ancora viva, anche se gravissima. Abbiamo fatto il più in fretta possibile per estrarla e consegnarla ai soccorsi ma stava già malissimo e dal 118 ci hanno detto subito che le speranze erano pochissime”.

crollo albizzate il sindaco io vivo per miracolo avevo ceduto il passo alla mamma rimasta uccisa - Crollo Albizzate, il sindaco: "Io vivo per miracolo, avevo ceduto il passo alla mamma rimasta uccisa" Francesco Bruno, il vigile del fuoco di Varese intervenuto ad AlbizzateFonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy